altaromaltamoda-balestra1

Innovazione ed estro creativo: le carte vincenti ad ALTAROMALTAMODA 2014

altaroma-logo Sperimentazione e modernità: le parole d’ordine per l’autunno inverno 2015. Viaggiando tra l’alta moda a Parigi fino ad arrivare alla fashion week romana di ALTAROMAALTAMODA, da poco conclusa, cosa non potrà assolutamente mancare nel guardaroba di ogni ragazza glam?

E allora spazio alla plastica che diventa parte integrante delle scarpe o a maxi paillettes in pvc, che bordano gonne e cappotti. Materiali innovativi e tecnici pervadono il mondo dell’alta moda e non. Basti pensare a Luigi Borbone, che nella sua collezione per il prossimo autunno inverno ha fatto sfilare degli abiti in lattice dipinti a mano con lavorazioni sperimentali rese ancor più eccentriche da pizzi neri immersi nella plastica.

La nostra passeggiata continua con un tuffo nel passato grazie a Marco Rambaldi, vincitore di Next Generation 2014, che ha riproposto un’idea di una serie di abiti rubati dall’armadio della vecchia nonna mixati a tessuti orientaleggianti, stampe, ma soprattutto pvc a rendere più contemporanei camicette e maglie.

Per giungere infine a Charles Philip Shangai, che nella mostra inaugurata nella magnifica Veranda dell’Hotel Columbus, in occasione di AltaRomaAltaModa, ha mostrato la sua nuova linea di sleeper per la stagione che sta arrivando, ispirandosi ai molti viaggi in giro per il mondo.

[ad#ad-2]

Una collezione divertente e irriverente con scarpe maculate o macouflage , tutte rigorosamente in plastica e dalla cui tomaia si affacciano, rigorosamente, pochettine a contrasto con la calzatura.

Insomma una prossima stagione all’insegna della ricerca di materiali e nuove confezioni tutte da scoprire e per stupire. Allora lasciatevi avvolgere anche voi da queste novità perché ricordate: l’autunno si avvicina.

 

articolo a cura di  Monica Casola

Photo: www.altaroma.it

Potrebbe interessarti anche:

Un pensiero su “Innovazione ed estro creativo: le carte vincenti ad ALTAROMALTAMODA 2014”

I commenti sono chiusi.