Una ricetta tipica natalizia del Lazio : pasta con noci e cioccolato

Per Natale paese che vai tradizione culinaria che trovi. Largo alla fantasia ed ecco chela cucina si riempie di sbuffi di farina, cestini di uova, vasetti con canditi, cioccolata, miele e vin cotto, noci e pinoli, agrumi e profumi di cannella e spezie. E’ il tempo giusto per scoprire le ricette tipiche italiane e i  sapori genuini della tradizione.

Nel viterbese è antica consuetudine preparare per le feste natalizie i Maccheroni con ciocciolato e noci , una ricetta tipica che permette di sperimentare un abbinamento che a prima vista potrebbe lasciare perplessi ma che in realtà è molto gustoso!

In alcune famiglie il cioccolato è abbondante e così che il piatto viene servito freddo come dolce alla fine del Cenone della Vigilia, in altri paesi, dove è maggiore la presenza delle noci e del condimento salato, è servito come un primo caldo. Fatto sta che è un piatto davvero speciale e per “golosi”.

 

[ad#ad-1]

Come si prepara la pasta con noci  e cioccolato? Ecco la ricetta  originale per la versione “dolce” da servire a fine pasto.Nella ricetta tradizionale ci vogliono i maccheroni,  qualcuno li sostituisce  con gli spaghetti.

 

Ingredienti:

 

400 gr di maccheroni, (ma anche fettuccine, linguine o reginelle)

4 kg di noci

300 gr di cioccolato fondente

100 gr di zucchero

1 kg di pane di miele (non indispensabile) si può sostituire con pane grattugiato con zucchero oppure con ciambelline di vino triturate

 

Preparazione:

pulire le noci, farle sbollentare per eliminare la pellicina, asciugarle in forno e triturarle, aggiungendovi del pane di miele grattugiato in quantità doppia alle noci per far meglio amalgamare il condimento.

(Per la preparazione del pane di miele: 1 kg di farina, un bicchiere di olio di oliva, miele per formare un composto da cuocere in forno come una pagnotella.)

Intanto in un’altra terrina mescolare cioccolato fondente grattugiato, zucchero, una bustina di cannella.

Cuocere i maccheroni in acqua salata superando un po’ il tempo di cottura, poi versarci sopra le noci triturate con il pane, poi il cioccolato fondente con la cannella, mescolarli un po’ e continuare a versare i composti, pigiando bene gli strati che si vanno formando.

Buon appetito!!

Potrebbe interessarti anche:

La pasticceria Casantini di Viterbo presenta Chocolart: un Natale tra cioccolata e dolci golosità

Una delle più famose, antiche e buone pasticcerie di Viterbo è la pasticceria Casantini, che si trova nel centro storico cittadino. Abbiamo fatto qualche domanda a Virginio Casantini, in occasione della prossima apertura della mostra Chocolart, promossa dalla pasticceria durante il periodo natalizio.

 

Allora Virginio, parlaci della tua famiglia e della vostra quarantennale attività a Viterbo..

la nostra pasticceria nasce in via Cairoli a Viterbo – nel cuore del centro storico cittadino – nel 1969 dai due fratelli Casantini, Primo e Mario. Dopo alcuni cambi, nel 1998, entrano nella pasticceria Katia e Virginio, i figli di Mario. La nostra attività oggi conta 2 punti vendita, due laboratori ed 11dipendenti…. inoltre il 2013 si presenta come un anno ricco di sorprese.”

 

Già da un paio d’anni la pasticceria promuove la manifestazione Chocolart, di cosa si tratta?

la mostra ‘Chocolart’ nasce da un’idea di Katia, che vuole esprimere tutta la sua creatività ed estro in un grande ambiente completamente dedicato al cioccolato, cosa che le dimensioni delle strutture tradizionali non permettono…, per cui la mostra si svolge nell’ampio ambiente della ex chiesa di Sant’Egidio, situata in una delle vie maggiormente frequentate in centro, Corso Vittorio Emanuele.”

Per questa edizione, dal 19 al 30 dicembre 2012, oltre alle nostre creazioni al cioccolato in mostra sono in programma tanti appuntamenti interessanti e divertenti, come le “lezioni di cioccolato” o la “pittura con il cioccolato”, oltre a “massaggi e manicure con olio al cioccolato” e l’”aperitivo al cioccolato dolce e un po’ salato”, l’incontro con Babbo Natale per la gioia di tutti i bambini e il coro Gospel, i “Tatoo con il cioccolato” e il convegno “cioccolato e salute” fino alla “sorpresa Chocolart”. Un calendario impegnativo che incontra tutti i gusti!”

 

Siamo a Natale..e tutti più buoni..ci regaleresti una ricetta da pasticcere!?

ma certo..restando in tema natalizio.. quale periodo migliore per dare la nostra ricetta di torrone morbido…

Ingredienti:


kg1 miele
kg 0,15 albumi montati a neve ferma
kg 0,12 glucosio
kg 1 zucchero
acqua
vaniglia
kg 1,8 mandorle tostate
kg 0,15 pistacchi

Procedimento:

bollire il miele poi aggiungere gli albumi e mescolare su gas a fiamma bassa o a bagnomaria mescolando frequentemente (è facile che possa bruciarsi), non appena raggiungere una colorazione bianca candida aggiungere lo zucchero mescolato con il miele ed un po’ d’acqua cotto a 121 gradi, aggiungere la vaniglia e la frutta secca, stendere su ostia e ricoprire sempre con ostia, appena freddo tagliare a piacere.”

 

Grazieee! Dove potervi incontrare tutto l’anno?

virtualmente su http://www.pasticceriacasantini.com/ , oppure su facebook Pasticceria Casantini, invece per poter assaggiare i nostri prodotti vi aspettiamo a Viterbo in Via Cairoli 27, nel centro storico, oppure nell’altro negozio fuori le mura, in via Monte Santo 24, per chi vuole una disponibilità maggiore di parcheggio…in entrambe le pasticcerie potrete trovare un luogo accogliente dove trascorrere piacevoli e golosi momenti di relax.”

 

Bene, ti ringraziamo e rinnoviamo l’appuntamento nel periodo natalizio con Chocolart, qui il programma completo della manifestazione.

 

Potrebbe interessarti anche:

Giorgio Merletti nuovo Presidente di Confartigianato Imprese

Merletti subentra a Giorgio Guerrini e guiderà fino al 2016 la Confederazione che rappresenta 700.000 artigiani e Pmi.

Al suo fianco 3 Vice Presidenti: Claudio Miotto, Rosa Gentile, Marco Granelli

 

Giorgio Merletti è stato eletto ieri, 11 Dicembre 2012, Presidente di Confartigianato Imprese per il quadriennio 2012-2016 dall’Assemblea della Confederazione che rappresenta 700.000 artigiani e piccole imprese.

Il nuovo Presidente sarà affiancato dai vice Presidenti Claudio Miotto (Vice Presidente Vicario), Rosa Gentile e Marco Granelli.

Giorgio Merletti è nato ad Arsago Seprio (Varese) nel 1951. Laureato in architettura, è imprenditore nel settore della falegnameria. In ambito associativo è Presidente di Confartigianato Varese e di Confartigianato Lombardia. Durante la presidenza di Giorgio Guerrini, ha ricoperto l’incarico di Vice Presidente Vicario con delega alle relazioni sindacali. Dal 2006 al 2009 è stato Vice Presidente di Artigiancassa. Dal 1990 Merletti ha maturato anche una lunga esperienza di amministratore pubblico a livello locale, culminata con l’incarico di Sindaco del Comune di Arsago Seprio (Varese) dal 2004 al 2009.

Giorgio Merletti succede a Giorgio Guerrini, che ha guidato la Confederazione dal 2004 e al quale il neo Presidente ha rivolto il ringraziamento di Confartigianato per l’impegno dedicato, in questi 8 anni, alla valorizzazione e allo sviluppo dell’artigianato e delle piccole imprese.

Un impegno che Merletti ha dichiarato di voler onorare, indicando le linee dell’azione confederale. “In questa difficile fase della nostra economia – ha sottolineato – serve uno sforzo eccezionale per costruire un contesto favorevole alle potenzialità imprenditoriali del nostro Paese, per irrobustire il tessuto produttivo dell’artigianato e delle piccole aziende, per migliorarne la capacità competitiva e consentire loro di uscire dalla crisi”.

 

[ad#ad-1]

Merletti ha poi citato le imminenti scadenze elettorali “che – ha detto – richiedono il nostro impegno di elaborazione di proposte da rivolgere alla politica per difendere e valorizzare 4.292.538 micro e piccole imprese italiane che danno occupazione a 9.836.832 addetti. Le imprese artigiane sono 1.447.070 e danno lavoro a 3.210.793 addetti. Le micro e piccole imprese rappresentano il 98,2% del totale delle aziende italiane e il 58,9% degli addetti, contribuiscono al 38% del fatturato totale delle imprese, al 41,2% del valore aggiunto e al 40,4% degli investimenti”.

L’Assemblea di Confartigianato ha provveduto altresì ad eleggere i componenti della Giunta Esecutiva. Il nuovo Presidente ha confermato la fiducia a Cesare Fumagalli nell’incarico di Segretario generale.

Potrebbe interessarti anche:

Ricette tipiche di Natale: dalle Marche ecco la ricetta del fristingo ( o frustingo)

Il natale è ormai alle porte, le vetrine sono allestite con tante luci e colori, le città addobbate a festa, i negozi ricchi di idee per i tanti e attesi regali di Natale; si respira un’aria diversa. Con l’avvicinarsi di uno dei periodi più frenetici dell’anno, molti sono anche i pensieri su cosa mettere in tavola il prossimo 25 dicembre.

Ecco a voi una ricetta tipica,  semplice e sfiziosa,  direttamente dalle Marche e precisamente da Ascoli Piceno: in queste zone in occasione delle festività natalizie non può mancare sulla tavola il tradizionale  Fristingo ( o Frustingo), chiamato in dialetto “frustinghe”. Vediamo come preparare questo prelibato dolce tipico:

 

INGREDIENTI:

 

100 gr di noci

100 gr di mandorle

100 gr di nocciole

200 gr di uva passa

100 gr di cioccolato fondente grattuggiato

100 gr di pane grattugiato

100 gr di zucchero

100 gr di canditi

1000 gr di fichi secchi

1 limone grattugiato

1 arancia grattugiata

cannella in polvere

noce moscata

una tazzina di caffè e un po’ di caffè in polvere

un po’ di rum

una spolverata di cacao in polvere

 

[ad#ad-1]

 

 

PROCEDIMENTO:

Mettete in una ciotola le noci, le mandorle, le nocciole e i fichi secchi tritati in precedenza. Ammorbidire l’uva passa in acqua tiepida e poi strizzarla e unirla al composto. Aggiungete poi lo zucchero, il pane grattugiato, i canditi, il cioccolato fondente grattugiato, la buccia di limone e arancia grattugiata, la cannella in polvere, la noce moscata, la tazzina di caffè e il caffè in polvere, il rum e il cacao in polvere. Amalgamate il tutto e quando avrete ottenuto una pasta di giusta consistenza, sistematelo in una teglia da forno precedentemente unta e spolverizzata di pane grattugiato. Ponetela in forno a 160° per circa 25 minuti. Il dolce dovrà risultare dorato ma non eccessivamente duro. Lasciarlo raffreddare e tagliarlo in piccoli quadrati e servirlo su un vassoio.

Potrebbe interessarti anche:

Scuola Aperta: i giovani cuochi di Sant’elpidio a mare (FM) spiegano le loro ricette

L’ Istituto Statale di Istruzione Tecnica Professionale e Scientifica (ISITPS ), al fine di presentare agli studenti di terza media e alle loro famiglie l’offerta scolastica, organizzerà, nell’ ambito delle iniziative di orientamento alla scelta consapevole della scuola superiore, una serie di giornate  “Scuola Aperta”, al prima delle quali è prevista per domani, Domenica 2 Dicembre 2012 dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.30.

 

Non si tratta di una visita ai locali che ospiteranno il prossimo anno gli studenti di scuola media, tengono a precisare i ragazzi e i docenti  dell’ ISITPS (che parteciperanno attivamente all’iniziativa, guidando ragazzi e genitori e illustrando i vari aspetti della vita scolastica) ma di un’occasione per vedere come si svolgono le lezioni (con simulazioni, presentazioni multimediali  ed esperimenti di laboratorio che verranno eseguiti dagli studenti dell’ ISITPS) e come vengono messe in pratica, nelle strutture della scuola, le nozioni teoriche; nell’occasione gli studenti dell’ istituto alberghiero dimostreranno le loro capacità ai fornelli (capacità ben conosciute nelle strutture ricettive anche di livello internazionale che periodicamente ospitano  i giovani cuochi usciti dall’ alberghiero) realizzando piatti realizzati dal vivo.

 

 

Le successive giornate “Scuola aperta si svoleranno  Domenica 13 Gennaio 2013 , Sabato 26 Gennaio 2013  , Domenica 27 Gennaio 2013 , Sabato 9 Febbraio 2013 sempre negli stessi orari.

 

 

L’ ISITPS è una realtà  inserita nel comprensorio costituito dai comuni di Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare, Montegiorgio  e da altri 10 Comuni di piccola dimensione, per un totale di circa 70.000 abitanti; l’offerta didattica dell’ ISITPS comprende percorsi di Istruzione Tecnica settore economico (indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing, articolazione “Sistemi Informativi aziendali” e articolazione “Relazioni internazionali per il marketing”), Formazione Liceale (Liceo Scientifico, Liceo Scienze applicate e Liceo Scientifico Sportivo,di prossima attivazione)il percorso di Istruzione Professionale Settore Servizi (Indirizzo Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità alberghiera , articolazioni : Enogastronomia” – “Servizi di Sala e Vendita” – “Accoglienza Turistica” Istruzione e Formazione Professionale – Qualifiche Triennali:  Operatore della Ristorazione

e  Operatore dei Servizi Promozione e Accoglienza ) oltre all’indirizzo Servizi Socio-Sanitari.(inserito nel piano provinciale per la sede di Sant’Elpidio a Mare, di prossima attivazione)

Questi percorsi, sono strutturati in maniera tale da affiancare alla didattica in aula, una serie di iniziative  e progetti (stage, alternanza scuola-lavoro, scambi culturali, visite guidate e viaggi d’istruzione e collaborazioni con associazioni ed enti) in grado di  formare figure professionali in possesso di elevata preparazione umana, scientifica e tecnica, capaci di operare nel settore della ricerca di nuovi prodotti, nella progettazione di sistemi produttivi, nel marketing nazionale e internazionale, nella promozione e nella presentazione delle specificità turistiche del territorio

Per maggiori informazioni sull’ iniziativa è possibile contattare le segreterie delle sedi di: Porto Sant’Elpidio: 0734.991431 – S.Elpidio a Mare: 0734-859128 , Montegiorgio 0734.962081

o visitare il sito www.isitps.it

Potrebbe interessarti anche: