“Rebellio Patroni, Sant’Ambrogio e il piccolo Duomo”, sta per accadere a Milano,il 13 giugno

Promossa dal Comune di Milano – Cultura, Moda, Design e Palazzo Reale, la centralissima sede espositiva
milanese ospita dal 14 giugno al 1° luglio 2012 (Ingresso gratuito) la mostra di Paolo Consorti intitolata  “Rebellio Patroni, Sant’Ambrogio e il piccolo Duomo”, a cura di Antonio Arévalo, con un contributo critico di Angelo Bucarelli.

L’esposizione – che si compone di  venti opere di grande formato, un’istallazione e un docu?lm prodotto da Magazzini Einstein per Rai Educational – si basa su una reinterpretazione in chiave contemporanea e simbolica dell’operato dei  Santi d’Italia, espressione della cultura popolare del nostro paese e di un’unità geogra?ca e spirituale.
Il Progetto Rebellio Patroni, concepito come un percorso multiforme e in progress, in cui la performance, la scultura e il dipinto costituiscono il corpus unico del progetto, prende avvio nel 2011 in coincidenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. In esso i santi di Consorti si esprimono attraverso azioni paradossali mettendo in atto nel presente una loro originale e paci?  ca forma di azione antagonista che, aggirando con l’ironia la retorica sul decadimento morale e civile della società, propone l’urgenza di un impegno nel presente. Il sacro e il profano si mescolano senza scandalo né sacrilegio, non c’è nulla di blasfemo, poiché il concetto di santità è un pretesto per parlare di tematiche terrene e proporre una forma spiritualità per il presente. Nella visione di Consorti i santi sono considerati performers ante-litteram, personaggi che hanno saputo dare un forte senso simbolico al proprio agire.

Come in precedenza alla 54° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia (in cui Elio: cantante del noto gruppo Elio e le Storie Tese, vestì i panni di San Francesco) e al Museo Madre di Napoli, il progetto
espositivo concepito per il Palazzo Reale e la città di Milano, sarà completato dalla Performance “S. Ambrogio e il piccolo Duomo”, che si svolgerà il giorno dell’inaugurazione della mostra mercoledì 13 giugno alle ore 18.30.

Per realizzare questa azione performativa, Paolo Consorti si avvarrà della  collaborazione dell’architetto e artista Luca Mangoni, membro della band Elio e le Storie Tese. Tale azione si concentra su una piccola e singolare riproduzione del Duomo di Milano, oggetto al quale l’artista vuole restituire il suo valore simbolico di accoglienza e civiltà, recentemente scalfito.

Paolo Consorti : nato a San Benedetto del Tronto (AP), 1964. Dopo il diploma all’Accademia di Belle Arti, esordisce nel ’91 con una mostra personale al Palazzo Ducale di Urbino. Da allora il suo lavoro è stato esposto in gallerie private e spazi pubblici italiani ed internazionali. Ha partecipato alla 54°Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, a due Quadriennali Nazionali d’arte, alla Biennale di Praga e alla Biennale di Mosca per la giovane arte. Si sono occupati del suo lavoro critici d’arte scrittori e ?  loso?   tra cui Hans Georg Gadamer, Achille Bonito Oliva, Pierre Restany, Marisa Vescovo, Flaminio Gualdoni, Piero Melograni, Valerio Deho’, Gabriele Simongini, Lorenzo Canova, Gianluca Marziani, Luca Beatrice, Andrea Bruciati, Pino Corrias.

 

Potrebbe interessarti anche:

Festa della Repubblica: gli eventi a Roma e nel resto d’Italia

La Festa della Repubblica viene celebrata il 2 giugno per ricordare il referendum del 2-3 giugno del 1946 quando gli italiani furono chiamati alle urne, a suffragio universale, per esprimersi sulla forma di governo da dare al paese e scegliere tra monarchia o repubblica

A Roma, per l’occasione, si svolge una solenne parata militare, che richiama moltissime personalità (tra cui ambasciatori e capi di stato esteri, oltre ai vertici delle istituzioni italiane)  ed un pubblico partecipe ed entusiasta disposto lungo  Via dei Fori Imperiali ( che accoglieva nel lontano 1948 la prima parata militare in onore della Repubblica)

Alla parata militare del 2 giugno,  prendono parte tutte le Forze Armate, le Forze di Polizia della Repubblica, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e della Croce Rossa Italiana, oltre che il Corpo della Polizia Municipale di Roma e il personale civile della Protezione Civile. Si aggiungono le delegazioni militari Onu, Nato e dell’Unione Europea e i rappresentanti dei reparti multinazionali.

Nel pomeriggio del 2 Giugno, per chi volesse rimanere a Roma, è possibile visitare i giardini del Quirinale ( aperti al pubblico)  e assistere ai concerti dei complessi bandistici dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica, dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, del Corpo di Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato.

Tra i momenti più attesi è la sfilata della Pattuglia Acrobatica Nazionale delle Frecce Tricolori, che si distingue per l’eccezionale spettacolarità di ogni performance, resa ancora più bella dalla caratteristica scia di fumo colorato che gli aerei lasciano  ad ogni passaggio, con i colori della bandiera nazionale.

Per maggiori informazioni visitare il sito  della Presidenza della Repubblica Italiana

 

Potrebbe interessarti anche:

Un carciofo tutto abruzzese protagonista alla Carciofesta di Cupello (CH)

Il carciofo è una delle costanti delle tavole in tutto il mondo sin dall’antichità: gli Egiziani lo consumavano prima di andare in guerra, perché credevano stimolasse forza e coraggio, i Romani addirittura ne vantavano le virtù afrodisiache.

Botanicamente il carciofo è imparentato col cardo e con la margherita, rappresenta uno dei più felici incontri tra scienza e natura: se ne contano circa quattrocento varietà in tutto il mondo ed una di esse è esclusivamente appannaggio dell’Abruzzo, anzi di un piccolo lembo della parte meridionale della regione, nel territorio di Cupello, un centro in provincia di Chieti a pochi chilometri da Vasto, che si estende tra verdeggianti colline che guardano verso il mare. Tale varietà è il cosiddetto carciofo “Mazzaferrata”, che ogni due anni viene celebrato nella prima settimana di maggio dall’amministrazione comunale, dalla Pro-Loco e dal consorzio di produzione agricola locale, nella cosiddetta “Carciofesta”. Continua la lettura di Un carciofo tutto abruzzese protagonista alla Carciofesta di Cupello (CH)

Potrebbe interessarti anche:

Alberto Sughi : “Le stanze del tempo” in mostra ad Ascoli Piceno

Si terrà ad Ascoli Piceno, domenica 6 Maggio 2012, alle ore 18.00 presso la Galleria Verdesi (in via delle Canterine), l’inaugurazione della mostra “Le Stanze del Tempo” del noto artista Alberto Sughi, scomparso nel marzo scorso a 83 anni. L’evento sarà presentato dalla giornalista e critico d’arte Alessandra Angelucci.

Sarà esposta una raccolta di venticinque opere tra olii e tempere, realizzate dal maestro Alberto Sughi, che rappresentano la solitudine, il rapporto con la natura, il “teatro d’Italia”, l’amore, l’attesa, i non detti di uomini e donne che non sanno per quale ragione vivere, tutti temi insomma che hanno accompagnato la produzione artistica dell’autore.
La mostra, secondo il critico Angelucci, «condurrà lo spettatore a percepire l’atmosfera elegante dei locali fumosi e bui, che fanno eco agli anni Trenta, dove donne dai volti sensuali, disincantati di fronte allo scorrere del tempo e di ciò che le circonda, vivono la condizione dell’attesa: di un uomo, di qualcuno che le ascolti, di qualcosa che dia sollievo al malessere interiore che le stringe. Un “realismo esistenziale” che si consuma ai tavoli di un Caffè, in un Locale Notturno, tra le luci soffuse di un Piano Bar».
Nella produzione dell’ultimo decennio Alberto Sughi è tornato a meditare su se stesso, ha recuperato i soggetti di vita quotidiana che aveva ispirato le sue prime opere ai tempi del neorealismo cinematografico.

L’artista, nato a Cesena il 5 Ottobre 1928, scomparso a Bologna il 31 Marzo 2012 fu molto amato da Federico Fellini e da Mario Monicelli, i quali presero ispirazione dalle sue opere per le locandine di prestigiosi eventi cinematografici.
Il suo spirito anarchico e ribelle nel 1970 lo spinse a rifiutare la cattedra di pittura all’Accademia di Firenze allora offertagli dal Rettore Colacicchi, perché, disse, «sapevo di non poter guidare altro che la mia mano».
Tra gli eventi prestigiosi a cui Sughi ha partecipato di recente si ricorda la vetrina della Biennale di Venezia dello scorso anno (2011), curata da Vittorio Sgarbi, che ha chiesto ai più autorevoli intellettuali italiani di segnalare artisti che hanno definito con la loro arte il primo decennio degli anni 2000.

Le opere resteranno in esposizione fino al 27 Maggio tutti i giorni secondo i seguenti orari: 10:00 – 13:00 / 17:00 – 20:00 ad ingresso libero.

Per l’occasione, oltre alle opere dell’artista Alberto Sughi, sarà possibile visitare in Galleria le tele di altri noti artisti internazionali, tra i quali: Antonio Bueno, Domenico Cantatore, Mario Schifano, Omar Galliani, Ennio Calabria, Nino Maccari, Umberto Lilloni.

Potrebbe interessarti anche:

Umbria Water Festival: dal 17 al 20 Maggio in terra umbra si parla dell’ acqua

Si svolgerà dal 17 al 20 Maggio in diverse location  (gli eventi si svolgeranno in  60 comuni ) del territorio umbro, la prima manifestazione dedicata all’importantissimo tema dell’acqua:   l’ Umbria Water Festival .

Attorno al tema dell’acqua, per i 4 giorni dell’Umbria Water Festival si svolgeranno seminari, mostre,  attività didattiche,degustazioni e spettacoli: eventi mirati a  valorizzare e promuovere questo elemento indispensabile e prezioso per la vita umana. Il territorio umbro diventerà quindi la capitale mondiale dell’acqua:  non a caso questa terra, pur non avendo uno sbocco sul mare vede l’acqua protagonista in numerosi luoghi: dalle Cascate delle Marmore, al Lago Trasimeno, dalle Fonti del Clitunno al fiume Tevere (che attraversa la regione) , oltre ad essere stata scelta dall’ Unesco come sede  (a Perugia, nella prestigiosa Villa La Colombella) per UN-WWAP, Il Programma delle Nazioni Unite per la Valutazione delle Risorse Idriche Mondiali

Sono diverse le aree tematiche in cui si articola l’evento:dallo sport alle energie, dall’irrigazione agli aspetti spirituali e religiosi connessi all’acqua; l’ Umbria Water Festival sarà chiaramente anche l’occasione per educare al rispetto della natura le nuove generazioni, grazie alle attività didattiche organizzate dai Centri di educazione ambientale della Regione Umbria. Il 17 maggio, nell’ambito dell’iniziativa Vivere il fiume, gli studenti delle scuole partecipanti al progetto Contratto di Fiume, della Provincia di Terni presenteranno al pubblico i lavori prodotti durante l’anno scolastico e riguardanti la maggiore conoscenza dell’ecosistema dei fiumi e il rapporto uomo-fiume. La presentazione avverrà in un ambito suggestivo come quello del Sentiero delle Sorgenti delle Gole del nera, dall’area archeologica del Ponte di Augusto  fino alla Fonte del Lecinetto.

Per quanto riguarda la convegnistica, saranno diversi gli  esperti da tutto il mondo che si incontreranno per parlare dell’acqua e illustrarne ogni aspetto, da quelli tecnici ed economici, a quelli sociali, storici e ambientali. Ad aprire il calendario di incontri sarà, giovedì17 maggio ad Acquasparta il convegno Acque minerali e agricoltura: un’alleanza per lo sviluppo sostenibile, organizzato dal Comune di Acquasparta, seguito, venerdì 18, a Palazzo Gallenga, sede della Storica Università per Stranieri di Perugia dall’incontro sul tema Narrare documentare e comunicare dell’Acqua, a cura della stessa Università, in collaborazione con la Scuola di Giornalismo Radio Televisivo di Perugia, l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia e il Programma delle Nazione Unite per la Valutazione delle Risorse Idriche Mondiali (UN WWAP); sempre nella giornata di  Venerdì 18, a Terni nella prestigiosa sede del Caos, si svolgerà il convegno specialistico, coordinato dall’Università La Sapienza di Roma, Climate Changes: Flood/Drought Dynamics (in lingua inglese) sul tema dei cambiamenti climatici, a cui parteciperanno esperti da tutto il mondo per confrontarsi sulle dinamiche climatiche delle inondazioni e su come prevenirle.

Sabato 19, invece, appuntamento alla Sala dei Notari del Comune di Perugia con il convegno Nascita: dall’Acqua all’Aria per indagare l’ancestrale rapporto tra l’elemento acqua  e la riproduzione. A coordinare l’appuntamento il Prof Gian Carlo Di Renzo, Direttore della Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Nella stessa giornata, il Comune di Magione, in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria di Perugia, presenterà un dibattito tutto incentrato sulle dighe, dal titolo curioso: Diga 33.

Infine, due appuntamenti organizzati dal Gal Trasimeno Orvietano per far conoscere e valorizzare il territorio che si affaccia sull’omonimo Lago. Importante occasione di confronto tra i cittadini e gli esperti sul Trasimeno sarà l’incontro L’Acqua nelle Mappe di comunità di San Feliciano e Panicale (Giovedì 17 maggio a Panicale e Venerdì 18 a San Feliciano) mentre dal Santuario mariano di Mongiovino partirà un viaggio ideale alla scoperta de L’Acqua dei miracoli che ci porterà a scoprire i miracoli legati all’acqua e i santuari che sono stati eretti per celebrare tali prodigi, con un occhio attento alla tradizione e all’arte (Sabato 19 maggio Santuario di Mongiovino).

Mostre

All’acqua saranno dedicate anche diverse rassegne d’arte.

Dalla pittura (L’Acqua dipinta e Percezioni fluide, personale di Mauro Proietti presso l’Archivio comunale di Ferentillo) alla fotografia (L’Acqua in Umbria in collaborazione con i fotografi FIAF e Acqua, riflessi e riflessioni, rassegna di foto del torinese Franco Tomatis, organizzata dal Comune di Acquasparta e accompagnata da reading di poesie sull’acqua).

Dal design (Il Design dell’Acqua, in collaborazione con il NID-Nuovo Istituto di Design di Perugia) al vetro, contenitore per eccellenza dell’acqua, in collaborazione con il Museo del Vetro del Comune di Piegaro.

Dalla cartografia dei corsi d’acqua (Inaugurazione del Fondo Gnerucci di cartografia antica presso il Museo della Pesca di San Feliciano, con mappe risalenti al periodo tra il 1500 e il 1800 relative alla Tuscia, Stato Pontificio e Granducato di Toscana) ai Giardini aridi raro esempio di come alcune piante autoctone possono crescere rigogliose senza irrigazione (Az. Agricola Salto del Prete, Città della Pieve, sabato 19 e domenica 20.maggio).

Infine, Palazzo Primavera a Terni ospiterà un’importante mostra di pittura contemporanea dal titolo I colori dell’Acqua, che raccoglierà i lavori ispirati all’acqua di 8 artisti internazionali, 4 italiani e 4 cinesi, mentre alla Biblioteca Comunale della città sarà allestita l’esposizione Terni e le sue acque.

Degustazioni e corsi enogastronomici

Non poteva mancare a Umbria Water Festival l’enogastronomia con corsi e degustazioni che vedono l’acqua protagonista assoluta, da sola o in compagnia di prodotti del territorio che proprio all’acqua devono la vita.

Così, grazie alla collaborazione con il Palazzo del Gusto di Orvieto e l’Università dei Sapori di Perugia e Narni sarà possibile partecipare a corsi sull’uso dell’acqua in cucina e degustazioni guidate di acqua, alla scoperta di curiosità e caratteristiche organolettica della bevanda più bevuta al mondo.

Acqua & Vino sarà il più classico dei binomi per scoprire, insieme alle Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria, il territorio umbro e la sua ricca tradizione del buon bere e del mangiare genuino. In collaborazione con la Strada del Vino dei Colli del Trasimeno, la Strada dei vini del Cantico, la Strada dei vini Etrusco-Romana, la Strada del Sagrantino e la Strada dell’Olio Dop Umbria si potranno conoscere i sapori del territorio tra sport, animazioni e divertimento per tutta la famiglia.

Infine, protagonista ancora una volta il Lago Trasimeno, con i corsi di cucina per imparare a realizzare ottimi piatti con il pesce di lago.

Sport, Escursionismo e Spettacoli

Per tutti gli appassionati di sport, in collaborazione con il Coni e il Cai, tantissime attività outdoor e non solo.

I più ardimentosi non vorranno perdere l’esperienza del Canyoning con gli esperti dell’Associazione Italiana Canyoning lungo le forre e i torrenti di cui è ricca la regione Umbria, così come le discese in canoa e kayak lungo il Tevere e il Nera, con la guida degli esperti della Federazione Italiana Canoa e Kayak.

Doppio appuntamento alla Cascata delle Marmore: con la speciale Anteprima ONE (Outdoor Nature Experience), la manifestazione dedicata all’Outdoor per grandi e piccini, che permette di vivere l’avventura del rafting, hydrospeed, trekking, mountain bike, canyoning e sport all’aperto in tutta sicurezza. Ma anche con la rassegna fotografica di Salvatore Baiano Svizzero, a cui faranno da cornice particolari installazioni e suggestivi spettacoli all’aperto.

Domenica 20 maggio sarà la giornata delle Piscine Aperte, grazie a Amatori Nuoto Libertas e Griphus Sporting Club per vivere una giornata all’insegna dello sport in acqua. Per sabato 19, invece, tutti al Lago Gatti vicino Narni per una giornata di Pesca con la famiglia, armati di canna e di voglia di divertirsi.

Sempre domenica 20 maggio, in occasione della Giornata Nazionale delle Oasi del WWF, presso l’Oasi WWF di Alviano, un ricco calendario di attività per tutta la famiglia con l’obiettivo di far riflettere sull’importanza dell’acqua per la vita e quindi introdurre alle buone pratiche di consumo, tra cui il concorso fotografico Acqua è vita.

Per scoprire tutta la ricchezza del territorio umbro, dei delicati ecosistemi acquatici, della tradizione antica delle fonti vivendo, allo stesso tempo, un’esperienza di arricchimento a contatto con la natura Umbria Water Festival propone numerosissimi percorsi escursionistici, a piedi e a cavallo, in luoghi da favola in tutta la Regione, caratterizzati dal verde della natura e dall’azzurro dei corsi d’acqua. Tra questi il Cammino dei protomartiri francescani, chepropone un pellegrinaggio a piedi attraverso le città che videro le prime predicazioni di San Francesco in terra ternana, luoghi segnati da “sorella acqua”.

Ed ancora, Passeggiate urbane alla scoperta delle fontane e della rete dei canali delle città di Terni, Perugia, Orvieto, Narni e Città della Pieve e Spello e le numerose attività escursionistiche organizzate per l’occasione dall’Ecomuseo del paesaggio del Trasimeno e dall’Ecomuseo del Paesaggio Orvietano.

Nei giorni dell’evento si svolgeranno in tutta la regione anche numerosi concerti dedicati all’acqua. Musica sull’Acqua sarà il titolo del concerto dell’Accademia Barocca Hermans che avrà luogo giovedì 17 maggio all’Abbazia di San Pietro in Valle, seguita poi dalla cena di gala Dulcis in fundo…Golosità barocche. Venerdì 18 maggio sarà la volta di Passion in Water, acqua madre e matrigna, teatro in musica, diretto ed interpretato da Riccardo Leonelli al Castello di Alviano, a cui seguirà una interessante degustazione tematica a cura della Confartigianato Imprese di Terni.

Sabato 19 maggio sarà il Teatro Secci di Terni ad ospitare il concerto per pianoforte del Maestro Edoardo Bruni, con musiche di Debussy. Per finire, domenica 20 maggio un’insolita quanto piacevole passeggiata musicale all’Isola Polvese, a cura dell’Associazione Amici della Musica del Trasimeno ed ancora il concerto La voce dell’acqua, storie d’amore e di vita lungo i fiumi dell’Umbria, a cura di Sonidumbraospitato dal Comune di Baschi.

Infine, un viaggio sulle vie del benessere, tra le tante sorgenti termali della regione, grazie anche agli speciali pacchetti turistici proposti dagli albergatori della regione;  visite guidate agli stabilimenti di imbottigliamento, alle dighe e alle centrali idroelettriche. Per far conoscere la ricchezza delle acque minerali dell’Umbria, nel centro di Terni, sarà allestita una vera e propria Water House in cui le bottiglie e le confezioni d’acqua saranno protagoniste, insoliti “mattoni” di originali quanto curiose “costruzioni”.

In occasione di Umbria Water Festival sono indetti anche due importanti concorsi a tema.

In collaborazione con l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia e con il patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti è stato bandito il Concorso giornalistico “Comunicare l’acqua” riservato ai giovani giornalisti delle Scuole di Giornalismo italiane riconosciute dall’Ordine che premierà gli articoli (su carta stampata o web) che meglio hanno saputo raccontare l’acqua da ogni punto di vista. Per informazioni e modalità di partecipazione al concorso è possibile visionare e scaricare il bando dal sito umbriawaterfestival.it.

Ed ancora il Concorso internazionale, Acquadoc. Narrare e documentare l’acqua, indetto dall’Università degli Stranieri di Perugia, riguarda invece cortometraggi, video e documentari sull’acqua ed è rivolto a filmmaker, registi, vj, italiani e stranieri, professionisti e non che vogliano appunto, attraverso le immagini video, raccontare l’acqua. Tutti i video saranno poi proiettati in occasione del festival in una maratona cinematografica no-stop che si svolgerà in contemporanea sia a Terni sia a Perugia.

Infine, per tutti gli appassionati di fotografia la Provincia di Perugia promuove un workshop fotografico curato e diretto dal fotografo Maurizio Biancarelli. Il workshop, che prenderà il via il 18 maggio e durerà fino a domenica 20 maggio, prevede tre escursioni nei luoghi dell’acqua della regione con l’obiettivo di valorizzare le risorse naturali e promuovere il rispetto per l’ambiente ed è rivolto a fotografi neofiti o esperti, desiderosi di approfondire le tecniche della fotografia naturalistica.

Un ulteriore concorso per gli appassionati di poesia: il Centro d’Arte Minerva in collaborazione con il Comune di Campello sul Clitunno ha indetto il Concorso Nazionale di Poesia “Sorella Acqua“.

Scopo dell’iniziativa è di sensibilizzare il pubblico, in particolare i giovani studenti, sul tema dell’acqua e della sua salvaguardia. Le poesie, lunghe non più di 800 caratteri spazi inclusi, dovranno essere inviate esclusivamente per sms al numero 349 8168259. La premiazione di quelle selezionate si terrà domenica 20 Maggio nella suggestiva cornice delle Fonti del Clitunno.

Dal 17 al 20 Maggio vi aspettiamo all’Umbria Water Festival 2012: Acqua in bocca!

Negli stessi giorni, a Perugia, si terrà Perugia Green Days, di cui Umbria Water Festival condivide l’attenzione alla sostenibilità e all’ambiente e nell’ambito del quale è organizzato il convegno Nascita: dall’acqua all’aria.

Media partner di Umbria Water Festival è Virgilio GoGreen, il portale di “istruzioni” per una vita sostenibile.

Inoltre, grazie alla collaborazione con Aspasiel, Umbria Water Festival sarà anche protagonista su smartphone Iphone/Android con una specifica applicazione che consentirà di consultare in tempo reale le numerosissime iniziative della manifestazione!

Umbria Water Festival gode anche del patrocinio morale di Amref, organizzazione sanitaria operante in Africa con lo scopo di migliorare le condizioni di salute delle popolazioni locali.

Le attività di Umbria Water Festival si sovlgono nei comuni di (in ordine alfabetico) Acquasparta, Allerona, Alviano, Amelia, Arrone, Attigliano, Avigliano Umbro, Baschi, Bevagna, Castel Viscardo, Calvi, Castiglion del Lago, Citerna, Città della Pieve, Città di Castello, Campello sul Clitunno, Collazzone, Deruta, Fabro, Ferentillo, Ficulle, Foligno, Giove, Gualdo Tadino, Guardea, Gubbio, Lugnano in Teverina, Magione, Marsciano, Massa Martana, Montecastrilli, Montefranco, Montegabbione, Narni, Nocera Umbra, Norcia, Orvieto, Otricoli, Panicale, Parrano, Passignano sul Trasimeno, Penna in Teverina, Perugia, Piegaro, Polino, Porano, Sant’Anatolia di Narco, San Venanzo, San Gemini, Scheggia e Pascelupo, Scheggino, Sellano, Sigillo, Spello, Spoleto, Stroncone, Terni, Torgiano, Tuoro, Umbertide, Vallo di Nera.

 

 

Potrebbe interessarti anche: