Un weekend di primavera a Rimini tra piadine, mare ed eventi mondani


Rimini è sempre bella e in ogni stagione ha tanto da regalare, ma forse la stagione più bella a Rimini è la primavera, quando la città e il lungomare tornano a sbocciare e profumare in tutto il loro splendore.

Rimini e la sua spiaggia lunga 15 chilometri, tra frazioni e frazioncine con i nomi che si rincorrono e si condonfono..Bellariva, Rivabella, Rivazzurra, Miramare, Viserba, Viserbella.. aprono le porte al sole: i “bagni”, gli stabilimenti balneari, tornano in attività dopo la pausa invernale, gli ombrelloni tornano a colorare la spiaggia, la musica, dai piano bar all’aperto dei locali, si diffonde per le strade, i profumi culinari dei ristoranti inebriano l’aria…

La cosa che ho sempre amato fare in primavera a Rimini è passeggiare lungo il porto canale, ai piedi del faro per poi avanzare verso la bocca del porto, e da lì perdere lo sguardo nell’azzurro del cielo e del mare, seguire le barche dei pescatori che rientrano, accarezzare con gli occhi i contorni della costa, mentre intorno le voci soffuse si intrecciano allo sciabordio lieve delle onde che si infrangono sugli scogli, e il sole tiepido di primavera bacia la pelle. Una sensazione intensa, che avvolge veramente tutti i sensi.

Consigliato, dopo questo bagno di sensazioni “saline”, gratificare l’altro senso, il gusto, e fermarsi a mangiare la pizza nella mitica pizzeria al taglio proprio in prossimità del porto e della spiaggia libera. Pizza deliziosa, pochi intimi tavolini bordo spiaggia, prezzi giusti.

E, se poi vi vien voglia di piadina o di pesce, a pochi metri dal porto canale e nelle vie limitrofe, potrete trovare chioschi e ristorantini deliziosi per tutti i gusti e per tutte le tasche. Per finire, ma altamente consigliato, duecento metri o poco più dal porto canale, il buon gelato della gelateria Il Pellicano , un “classico riminese”. All’interno del locale gelato classico, crepe, yogurt, ce ne per tutti i gusti ed occorre assaggiare per credere! Ovviamente seduti fronte spiaggia.

 

Tra gli eventi primaverili e tradizionali da segnalare, se vi trovate a Rimi, c’è il Paganello, una manifestazione in cui sportivi provenienti da tutto il mondo si sfidano a frisbee divisi in squadre, con poche regole e tanto fair-play, musiche, danze, mercatini, e feste multilingue! E’ divertente passeggiare in spiaggia, fermarsi a guardare qualche partita, gironzolare per gli stand, fermarsi a ballare con i ragazzi provenienti da tutto il mondo.

Sicuramente un appuntamento cult!

 

Per gli amanti dell’arte è inevitabile una visita alla Mostra di Palazzo Sigismondo, in centro. Ogni anno le sale quattrocentesco di Castel Sismondo ospitano capolavori provenienti da ogni parte del mondo in una Grande Mostra. Tra le altre, sono state proposte “Parigi. Gli anni meravigliosi, impressionismo contro Salon”, “Caravaggio e altri pittori del Seicento” e quest’anno, dal 21 gennaio al 3 giugno 2012, la mostra è sul tema “Da Vermeer a Kandinsky. Capolavori dai Musei del Mondo dal Quattrocento al Novecento” [, con settanta opere provenienti da trenta musei del mondo per ambiti relativi a “Pittura Italiana nel Quattrocento e nel Cinquecento, Pittura Italiana nel Seicento, Pittura a Venezia nel Settecento, El Siglo De Oro in Spagna, la Golden Age in Olanda, Pittura in Inghilterra tra Settecento e Ottocento, L’età dell’Impressionismo, Pittura nel XX secolo in Europa”; con pezzi rappresentativi dell’arte italiana del Settecento del calibro di Canaletto, Guardì, Tiepolo, Bellotto. Un’emozione davvero imperdibile trovarsi a tu per tu con grandi capolavori della storia dell’arte.

 

Un balsamo per l’umore, gli occhi, il gusto, una sensazione di benessere che Rimini invita a provare, rinnovandosi ogni anno con proposte classiche e nuovi appuntamenti, in linea con il suo essere capitale del Turismo a tutti gli effetti e in tutte le stagioni.

 

Chiara

 

Potrebbe interessarti anche: