Viterbo il 25 marzo si ripete la tradizionale Fiera dell’Annunziata

Ogni 25 marzo, giorno in cui la chiesa festeggia l’Annunciazione dell’Angelo a Maria, la città di Viterbo si ferma per una grande Fiera, appunto la Fiera dell’Annunziata.Centinaia di bancarelle invadono le piazze e le vie principali del centro cittadino, con i loro colori, l’allegria, i profumi. In esposizione tantissimi prodotti, dall’artigianato all’abbigliamento, dai giocattoli alle piante, a mille curiosità.

Il percorso della Fiera si delinea sull’asse che va da Porta Romana a Piazza del Plebiscito, scende a Piazza del Sacrario e risale verso Piazza del Teatro e Piazza della Rocca. Quindi, sia che si entri da Porta Romana che da Porta Fiorentina, le due principali porte che si aprono sulle antiche mura cittadine, ci si ritrova sempre immersi nel vociare festante della Fiera.

Durante la visita ci si può fermare a degustare un goloso panino con la porchetta di Vallerano, oppure pannocchie arrostite e crepe con la nutella e molteplici sono le possibilità gastronomiche offerte dai tanti ristoranti e pizzerie che si trovano in zona.

 

Se siete amanti degli spaghetti è d’obbligo una tappa in La Spaghetteria , la cui terrazza si affaccia su Via Cavour, una delle vie della Fiera. L’ingresso al ristorante invece è su Via Saffi, al civico 61.

Perché consiglio questo locale? Vi basti sapere che nel 1985, dopo solo due anni dalla sua apertura, è entrato nel Guiness Worl Records per “il maggior numero di ricette per spaghetti, oltre 315 tipi diversi di condimenti”, tutti sempre disponibili, la maggior parte dei quali appellati con nome di persona e accuratamente descritti negli ingredienti sui menù. Se siete diverse persone a tavola, l’ideale è prendere piatti diversi per poi assaggiare quanti più sughi possibile..meritano. L’ambiente è confortevole, ma se è una bella giornata approfittatene per mangiare nella deliziosa terrazza.

La città offre tanti spunti “fuori fiera”, così all’altezza di Piazza del Plebiscito si può deviare dal percorso delle bancarelle per dirigersi e arrivare in pochi minuti al quartiere medievale di San Pellegrino e al Palazzo Papale, dove si tenne il primo conclave della storia, quello da cui l’elezione pontificia prese il suddetto appellativo.

Viterbo è un piccolo scrigno di tesori storici e artistici da scoprire e la Fiera, che quest’anno cade di domenica, può fornire l’occasione per un weekend primaverile davvero piacevole e divertente.

Potrebbe interessarti anche: