San Valentino con la Scienza a Fermo (FM)

Domenica 14 febbraio 2016, in occasione della festa di San Valentino, l’ITT “G e M. Montani” di Fermo (FM) aprirà le porte a tutti gli innamorati della scienza e della tecnologia, della ricerca e della sperimentazione.

Dalle ore 15,00 alle ore 20,00 studenti e insegnanti accoglieranno i visitatori e li guideranno per l’istituto attraverso un percorso originale e suggestivo che coniugherà arte, letteratura, musica, nuove ed interessanti esperienze laboratoriali legate ai diversi indirizzi della scuola, informazione.

Il filo conduttore sarà l’amore, quel sentimento che ha ispirato grandi personaggi di tutti i tempi, quella forza che spinge a fare e migliorare, quel sentimento poliedrico e contrastante che si respira nell’Istituto Montani.

L’Istituto Montani, fondato nel 1854 è uno degli istituti tecnici più antichi d’Italia, per decenni è stato il punto di riferimento a livello nazionale per la formazione ed ancora oggi , grazie alla collaborazione con università ed imprese riesce ad attirare studenti anche da fuori regione.

Potrebbe interessarti anche:

Giornata di raccolta del Farmaco 2016- 13 Febbraio

SABATO 13 FEBBRAIO 2016 si svolgerà in tutta Italia la GIORNATA NAZIONALE DI RACCOLTA DEL FARMACO organizzata dal Banco Farmaceutico.

CDO Marche Sud segnala questa interessante iniziativa di solidarietà che nell’edizione del 2015 ha visto il coinvolgimento di 3.673 farmacie e oltre 14.000 volontari che invitano i cittadini a donare farmaci per gli enti assistenziali della propria città; ogni Ente viene convenzionato ad una o più farmacie in cui sono raccolti esclusivamente farmaci senza obbligo di prescrizione. De 360.000 farmaci raccolti nella scorsa edizione della GRF hanno beneficiato oltre 700.000 persone assistite dai 1.640 Enti convenzionati con Banco Farmaceutico.

Info: www.bancofarmaceutico.org

Potrebbe interessarti anche:

  • Nessun post simile trovato

Dietro le quinte di Sanremo: un parrucchiere abruzzese da 11 anni al festival

Mani abruzzesi sul festival della canzone nazionale. Sono quelle di Erminio Zinni, parrucchiere di Paglieta, iscritto alla Cna di Chieti, che per l’undicesimo anno consecutivo “timbra il cartellino” della kermesse canora di Sanremo. Al Festival per antonomasia che si tiene nella città dei fiori, Zinni lavora a pieno ritmo da domenica scorsa, 7 febbraio, insieme ad un’altra sessantina di colleghi: «Almeno dodici ore al giorno, e fino a venerdì prossimo – dice soddisfatto raccontando i vertiginosi ritmi quotidiani cui si sottopone – perché ci sono da seguire non solo gli artisti nel backstage dell’Ariston, ma anche i protagonisti dei programmi Rai dedicati al Festival, come “La vita in diretta”». Un’autentica faticaccia tra phon, colpi di spazzola e ferri del mestiere, insomma; giustificata dallo straordinario palcoscenico internazionale che il festival presentato da Carlo Conti assicura. Stimato e conosciuto, Zinni – che nella cittadina frentana svolge da anni la sua attività affiancato dalla moglie Teresa – è approdato con un service della Rai specializzato (la “Alpacino Lookmaker service”, ndr).

Potrebbe interessarti anche:

Abruzzo: percorsi formativi in alternanza scuola-lavoro

L’AQUILA – Potenziare l’offerta formativa delle scuole abruzzesi, attraverso la realizzazione di percorsi formativi in alternanza scuola-lavoro. Con il mondo dell’artigianato e della micro impresa pronto ad aprire le sue porte per realizzare questo obiettivo. Vuole rappresentare un originale contributo ad uno dei punti più innovativi della recente riforma della scuola voluta dal governo Renzi, il protocollo d’intesa sottoscritto questa mattina, all’Aquila, dal Direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale, Ernesto Pellecchia, e dal presidente regionale della Cna Abruzzo, Italo Lupo. Un documento che, attraverso una serie di azioni e percorsi mirati, punta a favorire la crescente integrazione tra mondo della scuola e impresa, rompendo un’antica separazione, attraverso la creazione di percorsi originali che coinvolgano tanto gli istituti scolastici superiori che il sistema della imprese. A tutto vantaggio sia dei ragazzi coinvolti, in grado di valutare una possibile prospettiva di auto-imprenditorialità, che delle micro-imprese: aperte, a loro volta, al contributo di un potenziale giacimento di capitale umano.

Presentato agli organi di informazione, l’accordo – come si legge tra l’altro nel testo, che promette di «realizzare un organico collegamento tra scuola e Cna, attraverso un partenariato stabile, efficace e pluriennale – intende «favorire la formazione degli studenti relativamente a competenze mirate ad una crescita professionale strettamente legata alle esigenze del territorio; incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti attraverso l’attuazione dei percorsi di alternanza scuola lavoro degli Istituti tecnici e professionali per almeno 400 ore, e dei Licei per almeno 200 ore nel triennio; coinvolgere in questo percorso un numero elevato di imprese e di alunni, oltre a un numero di scuole significativo; correlare l’offerta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio; promuovere il recupero, attraverso percorsi di alternanza tra studio e lavoro, di studenti a rischio di dispersione scolastica».

La collaborazione tra Ufficio scolastico regionale e Cna mira così a «promuovere lo spirito di iniziativa e di imprenditorialità” ossia la capacità degli studenti di tradurre le idee in azione; la cultura di impresa; favorire la crescita di “iniziative pilota” dell’alternanza da parte delle strutture ospitanti e delle scuole dell’Abruzzo; favorire la crescita della capacità di accoglienza del numero degli studenti da parte delle aziende; ampliare le competenze degli studenti; promuovere la nascita di laboratori di imprese con le aziende partner; far emergere vocazioni personali, sviluppare potenzialità, valorizzare le inclinazioni personali; responsabilizzare gli studenti».

L’Ufficio Scolastico Regionale «si impegna a favorire il coinvolgimento attivo delle scuole per la realizzazione di “alleanze formative” territoriali con il mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca; a favorire la partecipazione degli istituti tecnici, professionali e dei licei attraverso il “Gruppo di coordinamento regionale in materia di istruzione e formazione professionale e rapporto Scuola e mondo del lavoro”, costituito presso lo stesso USR Abruzzo». Da parte sua, la Cna punta tra l’altro a utilizzare l’intesa con il mondo della scuola «alla riscoperta di “lavori dimenticati” di artigianato; a sensibilizzare le imprese associate sulle opportunità di ospitare studenti in alternanza tra scuola e lavoro; a offrire opportunità ai giovani sui futuri bacini occupazionali relativi agli antichi mestieri e alle nuove professionalità legate al progresso digitale e multimediale».

Potrebbe interessarti anche:

Fondi europei: se ne parla a Pescara

«Occorre sviluppare una forte sinergia tra Unione europea e Regioni, in modo da favorire l’accesso delle micro imprese ai bandi europei». Lo ha detto l’europarlamentare Andrea Cozzolino, intervenendo questa mattina a Pescara, nella sede della Cna Abruzzo, a un seminario organizzato dalla confederazione artigiana abruzzese, dedicato proprio alle opportunità offerte dall’Unione europea, attraverso fondi diretti e indiretti, programmi operativi regionali, agenda urbana, agenda digitale, politica di coesione, alle piccole e micro imprese.

L’esponente del Pd – accompagnato da Giampaolo Basile, presidente dell’associazione “Europa 2020”, oltre che dal presidente e dal direttore regionale della confederazione artigiana, Italo Lupo e Graziano Di Costanzo – ha affermato che «proprio in ragione della dimensione delle piccole imprese, della loro difficoltà di accesso ai mercati internazionali, di attingere a strumenti innovativi attraverso la ricerca, occorre un sostegno delle istituzioni regionali, in termini non solo economici, perché il loro acceso agli strumenti di programmazione europea sia produttivo ed efficace».

Potrebbe interessarti anche:

Le tecniche della cucina senza glutine: corso nel Piceno

La Confartigianato di Ascoli Piceno insieme all’Associazione Italiana Celiachia (AIC) Marche Onlus ha organizzato un corso rivolto al settore degli alimentaristi per conoscere le tecniche della cucina senza glutine. La celiachia è una malattia intestinale dovuta a un’intolleranza permanente al glutine. Qualche anno fa era considerata una patologia rara perché colpiva una persona su 1000, mentre oggi non è più così perché grazie alle nuove tecniche diagnostiche la sua prevalenza è di 1:100 (una persona ogni cento ne è affetta).

Nella provincia di Ascoli Piceno si contano circa 400 celiaci (sono 3000 nelle Marche) di cui circa 100 associati AIC (circa 1300 nelle Marche) che possono contare sul servizio garantito da una ventina circa di locali AFC (Alimentazione Fuori Casa), mentre in tutta la regione Marche se ne contano 150.

L’Associazione Italiana Celiachia Marche Onlus opera da quasi 30 anni sul territorio regionale attraverso una rete di volontari con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita dei celiaci e per aiutarli ad accettare un nuovo stile di alimentazione, unendo al lavoro di diagnosi e ricerca delle strutture medico-scientifiche l’assistenza e il sostegno alle persone affette da celiachia.

Il corso, molto partecipato, si è svolto presso la sala riunioni del ristorante “La Corte del Sole” di Ascoli Piceno e ha fornito agli addetti alla ristorazione le conoscenze utili fondamentali per permettere ad ognuno di attrezzarsi e diventare un locale sicuro di alimentazione per celiaci, ampliando al contempo i servizi offerti alla clientela in piena sicurezza e affidabilità.

L’evento formativo è stato è stato introdotto dalla presidente della Confartigianato, Natascia Troli, dal presidente della categoria alimentaristi, Luigi Tempera e dalla referente dell’AIC Marche onlus, Laura Diodovich. Per informazioni 0736.336402, www.apfm.it, www.aicmarche.it.

 

Potrebbe interessarti anche:

Presentazione guida Slow Wine 2016 di Slow Food editore

Martedì 24 novembre a Pescara sarà presentata l’edizione 2016 della guida Slow Wine di Slow Food Editore, ormai testo di riferimento per gli amanti del vino.
100 cene per Slowine, organizzata quest’anno presso il ristorante Paneolio in Via Caboto a Pescara, si conferma un momento importante per la conoscenza di produttori più e meno affermati che producono vino con standard di qualità elevata nonché come evento  per la degustazione di ottimi vini. Durante la serata verranno proposte, selezionate da Slow Food, cinque etichette (più altre a sorpresa) che si sono distinte nella guida come Vino Quotidiano, Vino Slow e Vino Oro, in accompagnamento ai prelibati piatti preparati per noi dallo Chef Mattia Blasioli. 
L’evento è organizzato in contemporanea in numerose città italiane con il nome di 100 cene per Slowine e raccoglie a tavola più di 3000 persone. Il format prevede una cena in un ristorante o osteria del circuito Slow Food (Cuochi dell’Alleanza oppure Osterie d’Italia), una selezione di vini effettuata in collaborazione con la sede centrale in Piemonte e una copia della guida in omaggio ai partecipanti.

Porteranno la loro esperienza due celebri produttori abruzzesi: Rocco Pasetti dell’azienda agricola Contesa Francesco Cirelli dell’azienda agricola Cirelli, produttore di vini biologici.

Potrebbe interessarti anche:

“Giovani stilisti emergenti” : Cristina Parissi premiata ad Ascoli

Dopo lo sfarzo e lo scintillio delle luci in passerella che hanno animato le creazioni Moda degli artigiani locali in Piazza del Popolo nell’agosto scorso, la Confartigianato è lieta di annunciare che la vincitrice del concorso “Giovani stilisti emergenti” ha ricevuto nella giornata odierna il premio economico per lo svolgimento di uno stage presso una sartoria Picena.

Natascia Troli, presidente Confartigianato Imprese e Luigi Contisciani, presidente BIM Tronto, alla presenza di Gino Sabatini, presidente della CCIAA di Ascoli Piceno e di Maria Rita Guerriri di Confartigianato Sarti & Stilisti, hanno conferito oggi il premio a Cristina Parissi, nella splendida cornice del Caffè Meletti di Ascoli Piceno.

Un impegno in favore dei giovani che intende sottolineare quanto occorra guardare al futuro, avendo memoria della tradizione del saper fare artigiano che nel Piceno ha espresso da ben 31 anni il meglio della produzione sartoriale nell’annuale sfilata nel salotto cittadino.

Innovazione e avvicendamento generazionale sono i due cardini che vedono Confartigianato e BIM Tronto alleati grazie ad una serie di iniziative tra cui ricordiamo la recente iniziativa fermana “Tendenza Moda” nel corso della quale il BIM ha premiato le spese che alcuni allievi sosterranno per partecipare ad un corso L’Oreal di tre giorni a Milano.

Tutela del saper fare per una nuova presa di coscienza a difesa del Made in Italy, una battaglia che vede la Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno e Fermo da sempre in prima linea. Alcuni dati elaborati dal Centro Studi Confartigianato rendono l’idea del fenomeno.

La multinazionale del ‘falso’ fattura 200 miliardi l’anno in tutto il mondo, ma la cifra è destinata a crescere e in Italia ‘vale’ quasi mezzo punto percentuale di Pil, lo 0,45%, per l’esattezza, ben 7 miliardi di euro che mettono in ginocchio la produzione di qualità e la sicurezza dei consumatori.

I settori più esposti alla contraffazione sono quelli del tessile, abbigliamento, calzature, occhialeria, cosmetici, giocattoli che rappresentano l’89,2% dei valore delle merci sequestrate tra il 2008 e il 2013. E proprio in questi settori di punta del made in Italy – in cui operano 64.322 imprese artigiane con 194.555 addetti – negli ultimi 5 anni le imprese artigiane sono state decimate, con una perdita di 7.052 aziende, pari ad un calo del 9,9%. Soltanto nell’ultimo anno le imprese artigiane di questi settori ‘invasi’ dai falsi sono diminuite del 2,1%.

Pesanti i danni anche per il made in Italy: nei settori interessati nell’ultimo anno l’export ammonta 23.616 milioni di euro e l’Italia è il primo esportatore europeo.

Sulla base di questi dati preoccupanti l’Associazione ha collaborato, nelle ultime settimane con la Prefettura di Ascoli Piceno, le altre organizzazioni datoriali e le forze dell’ordine alla predisposizione di un pieghevole interattivo rivolto agli studente delle scuole media e del biennio delle superiori per una maggiore sensibilizzazione sui danni alla salute e i rischi per sanzioni amministrative e penali che derivano dall’acquisto di merce contraffatta.

Il nostro Paese è il primo in Europa per quantità di merce sequestrata: tra il 2008 e il 2013 si sono registrati 99.748 sequestri per 334,5 milioni di pezzi contraffatti tolti dal mercato, del valore complessivo di 3.789 milioni. Eppure, nonostante la florida industria del falso, gli artigiani non si arrendono: il 32,3% delle imprese fino a 9 addetti punta tutto sull’innovazione per mantenere il livello competitivo sul mercato interno e all’estero.

Una percentuale che sale al 42,8% per le micro imprese manifatturiere. Nel dettaglio, il 24,8% delle imprese ha introdotto innovazioni di prodotto e il 21,1% ha effettuato innovazioni di processo.

Potrebbe interessarti anche:

  • Nessun post simile trovato

Hai mai pensato ad un agriturismo in provincia di Torino?

Un agriturismo in provincia di Torino può rappresentare la soluzione migliore per conoscere a fondo gli elementi che contraddistinguono il Piemonte: tradizione, storia, cultura, natura e cibo!
Questa particolare regione italiana, crocevia fra il nostro paese, la vicina Francia e la Svizzera, è, infatti, caratterizzata da un bilanciamento fra le attrazioni e i divertimenti delle città, ricche anche di punti di interesse culturali, e le possibilità offerte da una natura affascinante e particolare, fatta di boschi, riserve, colline e montagne: nella sola provincia di Torino è possibile visitare non solo i palazzi, le piazze, i musei ed i monumenti di alcuni fra i più caratteristici centri urbani (oltre al capoluogo, anche Venaria, Rivoli, Ivrea, Pinerolo, Loranzè, Carmagnola…), ma anche diversi parchi naturali (i laghi di Avigliana, la Val Troncea, il Monte San Giorgio, il Lago di Candia…) da attraversare, magari, in un’appassionante avventura all’aria aperta.
Per quanto riguarda la cucina, poi, il Piemonte offre numerosi prodotti tipici: composte, sughi, vini e formaggi sono solo alcuni degli alimenti che vengono associati in ricche e particolari ricette tradizionali!

Un agriturismo in provincia di Torino riassume tutti questi elementi, dando ad ogni viaggiatore la possibilità di scoprire, a prezzi competitivi, la vera anima di un’area geografica dalle atmosfere uniche: una struttura di questo tipo rappresenta l’ideale punto di arrivo o di partenza di escursioni e gite in famiglia o con gli amici, il luogo perfetto per rilassarsi e staccare dai ritmi della città.
Bacca Blu è l’agriturismo in provincia di Torino che, insieme ad altri apprezzati impianti della zona, permette di vivere a pieno la magia della regione, offrendo menù particolari, prodotti di qualità e la magnifica cornice delle colline di Bricherasio: la struttura è anche azienda agricola e produce da generazioni marmellate particolari e ottimi succhi bio!

Potrebbe interessarti anche:

Rassegna di moda sotto le stelle ad Ascoli Piceno

La qualità del 100% Made in Italy garantita dalle sartorie locali, darà in Piazza del Popolo ( ad Ascoli Piceno) alla tradizionale Rassegna di Moda, uno spettacolo arricchito dalle creazioni dei calzaturieri fermani e dai gioielli del Gruppo Orafi Marche.

La Sfilata di Moda sotto le Stelle, giunta alla trentunesima edizione, organizzata dalla Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno e Fermo con il sostegno della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, Camera di Commercio di Fermo, BIM Tronto, Società Cooperativa Pierucci e Comune di Ascoli Piceno, che ha concesso anche il patrocinio, proporrà il meglio della produzione sartoriale in una serata offerta agli ascolani ed ai turisti la sera del 6 agosto prossimo, con inizio alle ore 21.15. La serata sarà condotta da Marco Moscatelli in coppia con Stefania Orlando, mentre gli onori di casa spetteranno ai dirigenti della Confartigianato di Ascoli Piceno e Fermo e numerose saranno le autorità invitate a prendere parte all’iniziativa.
Saranno quasi cento i capi realizzati dalle migliori firme della sartoria artigianale cui si uniranno le esibizioni di Valeria Romitelli e la comicità travolgente di Pier Massimo Macchini.
Quest’anno una grande novità è data dalla presenza in passerella delle realizzazioni di giovani stilisti emergenti: il migliore sarà premiato con una targa ricordo dal parte di una giuria di qualità.

31_Sfilata_MANIFESTO_2015_Web

Le sartorie aderenti sono:
LA MAISON SPOSE DI GUERRIERI MARIA RITA
LA TELA DI FABIOLA
CATIA MANCINI
DONNA E BABY G DI MAZZARELLA GIUSEPPINA
MONIA&LUCIA&CATERINA
MAGLIFICIO ARTIGIANALE
DI VANDA BOVARA
SARTORIA SAMMARCO
DAMS MODA Sposa
MARIA D’ANDREA
SARTORIA CARLA EUSEBI
CAPPARONI FRANCESCO
CAPPELDOC
L’ARCOLAIO
DI SUSY BAGALINI
PANICHI LIA
GIOVANNA NICOLAI
STYLINT
DEON COLLECTION

I calzaturifici aderenti sono:
CALZATURIFICIO ANDREA IOMMI
CALZATURIFICIO LUCA RENZI
CALZATURIFICIO MARINI CLAUDIO
FIORITA SRL
MARILUNGO
REDWOOD
SERGIO AMARANTI
S.V. CALZATURE

Gli orafi aderenti sono:
PIETRO ANGELINI
GIAN LUCA STAFFOLANI
NAZZARENA LUCIDI
MASSIMO RIPA
ELENA BALDASSARRI
DONATELLA CESTARELLI
ALARICO GENTILI
GIUSEPPE VERDENELLI
STEFANO VERDINI
CARAMELLA GIOIELLI

I giovani emergenti sono:
ALESSANDRO BIANCHINI
CRISTINA PARISSI
SERENA SANTINI
LARA COMPAGNONI
GIORGIA PAGLIACCI
FEDERICA BELLESI
KYARA STYLE – CHIARA BERNACCHINI
FRANCESCA & VERONICA FELEPPA

L’evento è reso possibile dal sostegno indispensabile di partner quali Artigiancassa, Banca Popolare di Ancona, BCC Picena, Banca Marche, oltre a F.lli Tancredi, Lorenz Café e Top Security Guard.

Altri sponsor della manifestazione:
CA. FA DI FANTUZI S.A.S. – Folignano

CORRADETTI EVASIO SRL – Ascoli Piceno

DI BIASE LEGNO DI DI BIASE GIAN MARIA – Monsampolo Del Tronto

DI BUO’ BRUNO – Appignano Del Tronto

EDIL NEW SYSTEM SRL -Ascoli Piceno

FALEGNAMERIA PINOCCHIO – Ascoli Piceno

GIACOBETTI MAURIZIO IMPRESA DI COSTRUZIONI SRL – Ascoli Piceno

IMPRESA EDILE F. LLI CALCAGNI SNC – Colli Del Tronto

LA FENICE DIFFUSION SRL – Monsampolo Del Tronto

LAVORI STRADALI E MOVIMENTO TERRA GALOSI MIMMO – Ascoli Piceno

MAZZOCCHI OLIVIERO – Ascoli Piceno

MF VENDING SRL – Ascoli Piceno

MO.CA.ME DI MAURO TRAVAGLINI & C. SAS – Maltignano

PAOLINI & CAPPONI SNC – Ascoli Piceno

PARISSI ANTONIO – Folignano

PASSARETTI PIERLUIGI – Offida

PICCHIO GRONDE DI FIORELLI MIRCO – Folignano

RESTAURO DI SEDLAROVA ZDENKA – Ascoli Piceno

VANNICOLA COSTRUZIONI – Ascoli Piceno

Potrebbe interessarti anche:


  • RSS
  • Facebook
  • Twitter